Pubblicazioni del 03/17/16 (Archivio)

Anagrafe lettone trasforma il nome di un bimbo in «cadavere» / La Corte Europea dà ragione al Comune
Archivio

Anagrafe lettone trasforma il nome di un bimbo in «cadavere» La Corte Europea dà ragione al Comune

La famiglia russa di cognome Antonov, residente in Lettonia, ha lanciato un appello rivolto agli attivisti, poiché solo in tal modo la famiglia poteva proteggere il nome del proprio figlio, il quale, in base alla decisione dell'Ufficio Anagrafe del paese è diventato un «cadavere".

Quando nella famiglia di Antonov è nato un bambino, i genitori hanno deciso di chiamarlo Miron, tuttavia, presso l'Ufficio Anagrafe locale hanno rifiutato di registrare il bambino con tale nome, aggiungendo la desinenza «s» al nome ( «Mirons»). Questa variante non è stata accettata dal padre e dalla madre del piccolino, in quanto assomiglia alla parola lettone «mironis» («cadavere»). Le autorità lettoni non sono state nemmeno turbate dal fatto che secondo la legge «Sulla lingua di Stato», adottata nel 1995, il nome e il cognome non possono essere modificati senza il consenso dei genitori.

Allora, la famiglia di Antonov si è rivolta all'organizzazione pubblica «Ridateci i nostri nomi!", la quale attraverso la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha cercato di ottenere giustizia. Nel corso di nove anni i giudici europei discutevano il caso, ma sono giunti alla conclusione che non era degno di esame da parte della Corte.

Secondo il deputato della Duma di Riga Ruslan Pankratov, che ha rappresentato la famiglia di Antonov presso la Corte, il rifiuto di rilascio del certificato di nascita al bambino della famiglia russa è «una grave violazione dell'articolo 8 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali». Nonostante questo, la Corte Europea ha deliberato che la decisione sul caso è definitiva e non è soggetta ad appello in alcun organo giudiziario dell'UE. Ora, Pankratov prevede di fare il ricorso direttamente all'ONU.

C'è da aggiungere che la Lettonia è la patria di circa due milioni di persone, di cui il 44% sono cittadini di madrelingua russa. La lingua ufficiale nel paese è il lettone, mentre il russo è considerato una lingua straniera. Allo stesso tempo, secondo alcune stime, circa l'80% della popolazione lettone parla la lingua russa.

Riga, Zoja Oskolkova

© 2016, «New Day – Italia»

Rubriche

/ / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter