Pubblicazioni del 01/18/17 (Archivio)

In Russia i produttori di vino saranno obbligati a indicare il paese di provenienza dell'uva
Archivio

In Russia i produttori di vino saranno obbligati a indicare il paese di provenienza dell'uva

Sulle bottiglie di vino e champagne compariranno le etichette con maggiori informazioni per i consumatori russi. In particolare tutti i produttori dovranno indicare il paese dove è stata coltivata l'uva utilizzata per ottenere le bevande alcoliche.

Secondo gli emendamenti alla legge «Sulla regolamentazione di stato della produzione e della vendita di alcol etilico e di prodotti contenenti alcol» redatti dal ministero dell'Agricoltura, a partire dal 1° gennaio 2018 sull'imballaggio per la vendita delle bevande alcoliche dovranno essere obbligatoriamente indicate le informazioni sul paese di provenienza dell'uva, del mosto d'uva e degli altri prodotti, scrive il giornale «Izvestija».

Gli autori del progetto di legge ritengono che con tale provvedimento si possa migliorare lo stato d'informazione per la popolazione. Inoltre, esso permetterà di creare pari condizioni tra le imprese che utilizzano materie prime russe e d'importazione per la produzione di vini e champagne. È importante sottolineare che attualmente viene considerato vino russo tutto quello che viene prodotto nel territorio della Federazione russa. Di fatto può succedere che l'uva utilizzata per le bevande alcoliche russe provenga, ad esempio, dal Cile.

Nel 2015 la Russia ha importato 20 milioni di decalitri di prodotti vinicoli, e altri 20 milioni di vino prodotto da uva, champagne compreso. Nel complesso, nel 2015 il volume d'importazione di vino, compreso lo champagne, è stimato in 692,4 milioni di dollari. I principali fornitori sono la Spagna (32,5%), l'Ucraina (16,6%), l'Italia (14,5%) e la Francia (7,8%).

Alcuni produttori stanno già indicando sulle etichette che il vino è ottenuto da uva russa. A guardare le statistiche, negli ultimi anni la popolarità dei vini prodotti in Russia è notevolmente cresciuta. Solo alcuni anni fa nel volume complessivo del mercato vinicolo circa la metà dei vini erano d'importazione.

Alcuni esperti sono però convinti che la legge possa rivolgersi contro i vinaioli russi. Nella maggioranza i compratori di vino e champagne sono donne, e per loro il vino ottenuto dall'uva coltivata, ad esempio, in Francia, può essere più allettante rispetto a quello prodotto dai vigneti del Kuban.

Le nuove norme d'etichettatura entreranno in vigore già dal 1° luglio 2017, tuttavia fino alla fine dell'anno i produttori hanno il diritto di produrre le bottiglie con le vecchie etichette senza l'indicazione del luogo di provenienza dell'uva.

Mosca, Zoja Oskolkova

© 2017, «New Day – Italia»

Tags

Rubriche

/ / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter