Pubblicazioni del 06/11/15 (Archivio)

In Russia prende piede il turismo gastronomico / Nel Caucaso è guerra al fast food americano
Archivio

In Russia prende piede il turismo gastronomico Nel Caucaso è guerra al fast food americano

Alla parola «turismo» è ormai sempre più frequente accostare un'espressione che ne rafforza il valore: «l'economia delle impressioni». Si tratta di una tendenza volta a regalare al turista nuove sensazioni, delizioando i suoi cinque sensi. In particolare il gusto.

Recentemente si è cominciato a parlare di turismo gastronomico, oppure culinario. Oggi, gli itinerari del gusto costituiscono poco più dell'8% del prodotto turistico globale. Ma si tratta di un settore che sta registrando una rapida crescita, spiegano dall'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO).

Si è scoperto che un terzo della popolazione mondiale considera la cucina un fattore chiave per scegliere la direzione del viaggio ed è, inoltre, pronto a destinare buona parte del budget a sua disposizione per soddisfare le proprie curiosità gastronomiche.

La maggior parte dei turisti considera, dunque, la gastronomia una componente strategica per il brand del territorio.

Nel corso di quest'anno, in Russia, si è registrato un boom del turismo interno. Ciò è dovuto, tra l'altro, al forte deprezzamento del rublo e al divieto di espatriare imposto ai dipendenti degli apparati di sicurezza.

Di conseguenza, tutti i grandi operatori turistici, già in primavera «si sono riorientati» sul business interno, quello regionale, dove la crescente concorrenza ha fatto in modo che si sviluppassero nuove forme di offerta. Tra queste, quella gastronomica.

Gli esperti sostengono che i migliori tour gastronomici si possano fare proprio nelle regioni del Caucaso del Nord, dove convivono oltre 50 gruppi etnici. E tutte hanno conservato la propria tradizione in fatto di cucina, fattore di attrazione in una zona dove è ancora poco sviluppata l'infrastruttura e i monumenti si trovano in cattive condizioni.

Per esempio, in Daghestan, si pensa di organizzare i «tour del vino», riproducendo le usanze bulgare o francesi, conosciute in tutto il mondo. Nella Repubblica si trova, infatti, la maggior parte dei vigneti del Paese. A Stavropol' è già stato presentato un tour che prevede la visita di sette cantine in quattro regioni. Nello stesso luogo è stata aperta anche la scuola di sommelier, dove si insegnano la tecnica e i segreti della degustazione e si spiegano le giuste combinazioni di cibi e vini.

Per conoscere meglio i particolari della cucina russa, si può fare riferimento ad un nuovo progetto su Internet: «La mappa delle delizie della Russia» che illustra nel dettaglio, regione per regione, i piatti tipici del Paese.

New Day: In Russia prende piede il turismo gastronomico

«La mappa delle delizie della Russia»

Mosca, Ivan Gridin

© 2015, «New Day – Italia»

Tags

Rubriche

/ / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter