Pubblicazioni del 06/03/15 (Archivio)

Sotto processo l'agricoltore che ha 'coniato' la moneta / L'accusa è «dissesto dell'economia del Paese»
Archivio

Sotto processo l'agricoltore che ha 'coniato' la moneta L'accusa è «dissesto dell'economia del Paese»

Aveva chiamato la 'sua' moneta «kolioni», con un nome che deriva dal paese dove sarebbe circolata. Mikhail Shlyapnikov, agricoltore della provincia di Mosca, è ora sotto processo con pesanti accuse: ha minacciato l'unità del sistema di pagamento russo. Il contadino si dice sorpreso del fatto che, a quanto pare, una persona sola possa pregiudicare la tenuta economica del Paese.

NDNews.it aveva scritto alla fine di maggio dell'agricoltore intraprendente che decise di emettere la moneta nel villaggio Kolionovo: un «kolion» equivaleva a 50 rubli. La valuta venne concepita per i pagamenti a contadini e fornitori, lasciando loro la possibilità di cambiarla in rubli. Il contadino stesso spiegò lo scopo: migliorare la qualità della vita nel piccolo centro.

Tuttavia, l'ufficio del procuratore ha considerato la 'nuova valuta locale' un sostituto monetario e – dunque – un pericolo per l'unità del sistema di pagamento russo. Inoltre, i «kolioni» rappresenterebbero anche una minaccia per l'affermazione del monopolio russo sull'emissione della moneta, disorientando la popolazione in periodo di crisi economica.

Da sottolineare che la Banca Centrale della Federazione Russa, che si occupa dell'emissione monetaria sul territorio del Paese, non ha presentato alcun reclamo nei confronti di Shlyapnikov. L'agricoltore sostiene che i «kolioni» non vengono quasi mai convertiti in rubli e lui non costringe nessuno a pagare con la propria moneta, regolando i conti anche in valuta nazionale.

«Per me non c'è nulla di sgradevole. Tutto questo – racconta Shlyapnikov – è abbastanza curioso, divertente e inaspettato. In ogni caso, se li riconosceranno come una minaccia per lo Stato, vorrà dire che un solo contadino potrebbe rovinare l'economia della Russia. Allora che cosa la sostiene? Invece, se li reputeranno legali – conclude lo stesso Shlyapnikov – sarà la vittoria di ogni produttore che potrà stampare la propria moneta».

Secondo l'agricoltore, infatti, la necessità di questa valuta locale è dovuta al fatto che lo Stato non riesce ad adempiere a dovere alle proprie funzioni, in particolare nel settore agricolo. Così, si è avvertita l'esigenza di inventare uno strumento a sostegno dei contadini.

Shlyapnikov era già noto per colpi stravaganti. Ad esempio, ha vietato l'ingresso nella sua fattoria ai funzionari spiegando che li avrebbe fatti entrare solo se i rappresentanti delle autorità avessero presentato opportuna documentazione: certificato medico rilasciato dal dispensario psichiatrico, fotofluorografia e statuto del reparto che loro rappresentano.

Kolionovo, Zoja Oskolkova

© 2015, «New Day – Italia»

Rubriche

/ / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter