Pubblicazioni del 05/18/15 (Archivio)

Consorzio «Kalashnikov» sfida le sanzioni / Sponsorizzando il Campionato d'Europa del tiro con la carabina
Archivio

Consorzio «Kalashnikov» sfida le sanzioni Sponsorizzando il Campionato d'Europa del tiro con la carabina

Nonostante le sanzioni applicate dall'Unione Europea nei confronti delle aziende russe in seguito agli avvenimenti in Ucraina il Сonsorzio «Kalashnikov» continua a promuovere i propri prodotti sui mercati internazionali. Cosicchè in estate il produttore d'armi russo sarà lo sponsor generale del Campionato d'Europa del tiro pratico con la carabina che si svolgerà in Ungheria.

New Day: Consorzio Kalashnikov sfida le sanzioni

Mitico fucile mitragliatore Kalashnikov

Complessivamente al Campionato d'Europa del tiro pratico con la carabina parteciperanno oltre 500 atleti provenienti da diverse parti del mondo. I 43 tiratori russi rappresenteranno la Federazione Russa con le nuovissime carabine Saiga MK modificato opzionale modello 107 con automazione bilanciata. Il principale vantaggio di questo modello è l'assenza della spinta causata da colpi delle parti mobili nelle posizioni estreme, ciò che rende più precisi e veloci spari a ripetizione.

New Day: Consorzio Kalashnikov sfida le sanzioni

Leggendario armaiolo sovietico Mikhail Kalashnikov

C'è da far notare che, presentando una nuova arma ad uso civile in Europa, «Kalashnikov» ha le mire lontane. Secondo le affermazioni del direttore generale del Consorzio, Alexei Krivoručko, lo sviluppo del tiro a segno nel mondo è una priorità importante del Consorzio come uno dei più grandi produttori delle armi leggere nel mondo. Attualmente «Kalashnikov» fabbrica una vasta gamma delle armi, uniche nel loro genere, ad uso civile per lo sport, la caccia e il tiro pratico, conosciute come marchi commerciali «Baikal», «Izhmash» e «Kalashnikov».

New Day: Consorzio Kalashnikov sfida le sanzioni

Il costruttore d'armi Mikhail Kalashnikov con il presidente russo Vladimir Putin

Da ricordare che un paio d'anni fa «Kalashnikov" e Beretta Benelli stavano sul punto di allacciare i rapporti di cooperazione. Allora il vice-premier russo Dmitrij Rogozin aveva dichiarato che Benelli Armi e Beretta, i leader nel settore di fabbricazione delle armi per la caccia, stessero conducendo le trattative con il Consorzio «Kalashnikov» sulla produzione delle armi ad uso civile, in particolare di fucili per la caccia. Tuttavia più tardi Pietro Beretta ha smentito le dichiarazioni di Rogozin.

New Day: Consorzio Kalashnikov sfida le sanzioni

Museo dedicato al fucile mitragliatore Kalashnikov

Nonostante la mancata cooperazione con «Kalashnikov», Beretta considera il mercato russo delle armi ad uso civile molto promettente. Secondo le stime, il fatturato annuo totale globale del consorzio italiano ammonta a circa 600 milioni di euro, mentre il profitto delle vendite in Russia si stima in 30 milioni di euro.

Le curiosità riguardanti il fucile mitragliatore Kalashnikov

Al mercato nero un Kalashnikov si può acquistare per soli 10 dollari USA

Secondo le stime della rivista Foreign Policy, il costo di un fucile mitragliatore Kalashnikov al mercato nero oscilla tra 10 dollari USA in Afghanistan e 3,8 mila dollari USA in India. Negli USA un fucile mitragliatore Kalashnikov si può acquistare per un prezzo che varia tra i 70 e i 350 dollari USA. Gli esperti affermano che per il prezzo ufficiale di un solo AK-47 originale fabbricato dalla casa madre di Izhevsk (prezzo d'esportazione è di circa 100 dollari USA) si possono tranquillamente acquistare due, o perfino tre, fucili mitragliatori dello stesso tipo di fabbricazione asiatica.

Il mitra è clonato in tutto il mondo

Molti paesi fabbricano illegalmente il fucile mitragliatore Kalashnikov. E' fabbricato ufficialmente (cioè su licenza) in 12 paesi, mentre è impossibile calcolare i fabbricatori illegali o abusivi. La maggioranza delle patacche estere sono di gran lunga inferiori per quanto riguarda la qualità e screditano l'operato degli armaioli russi. I rappresentanti russi sono costretti a presentare i reclame ai produttori stranieri riguardanti la falsificazione delle armi di fabbricazione sovietica. In realtà, il brevetto rilasciato nel 1997 riguardante il fucile mitragliatore (brevetto globale WO9905467 del 4 febbraio del 1999) difatti tutela soltanto alcune soluzioni progettuali, messe in atto nei fucili mitragliatori della serie АК-74М, ma non le serie precedenti АК e АКМ.

New Day: Consorzio Kalashnikov sfida le sanzioni

Azienda dove si fabbricano i Kalshnikov

Smontaggio e assemblaggio del fucile mitragliatore Kalashnikov erano obbligatori per ogni scolaro sovietico nel corso delle lezioni di addestramento militare di base

Nell'epoca sovietica ogni scolaro doveva essere in grado di smontare e riassemblare un fucile mitragliatore АК-47, l'insegnamento impartito nel corso delle lezioni di addestramento militare di base. Per avere il massimo dei voti un alunno doveva smontare e riassemblare AK-47 in 18-30 secondi. Oggi nelle scuole alle lezioni di Sicurezza personale di base agli scolari russi di nuovo vengono insegnati smontaggio e riassemblaggio di fucili mitragliatori Kalashnikov.

Il Kalashnikov d'oro appartenuto a Saddam Hussein

Saddam Hussein aveva più di un fucile mitragliatore dorato Kalashnikov. Il dittatore li dava come premio ai suoi più stretti collaboratori per meriti particolari. Quando nell'aprile del 2003 le truppe statunitensi sono entrate a Baghdad, i militari hanno trovato circa due dozzine di pezzi di armi leggere dorate. Nel palazzo abbandonato di Uday, il figlio maggiore di Saddam, è stato trovato un fucile mitragliatore dorato AK con la dedica: «Regalo del presidente Saddam Hussein».

New Day: Consorzio Kalashnikov sfida le sanzioni

АК-47 è l'arma preferita dei pirati somali e il premio per il miglior conoscitore del Corano

Nella Somalia il fucile mitragliatore Kalashnikov per molti è diventato ormai come una rete per un pescatore, ossia l'unico mezzo di produzione. Nel paese in cui opera un gruppo estremista d'ispirazione islamista AL SHABAAB, i bambini sono perfino premiati con quest'arma per una buona conoscenza del Corano.

I fucili mitragliatori Kalashnikov sono raffigurati come simboli dello stato di alcuni paesi

Attualmente l'immagine di un Kalashnikov è presente nello stemma di alcuni paesi africani: Zimbabwe, Mozambico, Burkina Faso, Congo, ma anche di un paese del Sud-Est Asiatico Timor Est, ed è anche uno stemma della formazione libanese di Hezbollah.

Il mitra è raffigurato sulle banconote e sulle monete

Su una banconota di Mozambico è presente l'immagine di un fucile mitragliatore Kalashnikov. Nella Nuova Zelanda invece per la 60-esima ricorrenza della leggendaria arma la Zecca dello Stato ha coniato le monete da due dollari neozelandesi con l'incisione di АК-47.

Monumento al fucile mitragliatore in Egitto

In Egitto, su una sponda della penisola del Sinai è stato eretto il monumento al fucile mitragliatore Kalashnikov, l'arma principale che ha fermato l'avanzata israeliana.

In Africa ai bambini viene dato il nome Kalash

In alcuni paesi africani ai bambini so dà il nome Kalash, in onore del famoso fucile mitragliatore.

«Kalashnikov» ha desecretato una nuova modifica del fucile mitragliatore in occasione della Sfilata delle Vittoria

In concomitanza con la Sfilata della Vittoria il Consorzio «Kalashnikov» ha svelato per la prima volta i dettagli e le particolarità di una nuova modifica rimodernata del fucile mitragliatore Kalashnikov presentata il 9 maggio a Mosca.

Kalashnikov ha desecretato una nuova modifica del fucile mitragliatore in occasione della Festa della Vittoria

Consorzio «Kalashnikov» che fa parte del Consorzio pubblico ROSTEH, ha progettato di propria iniziativa un complessivo kit di rimodernamento dei fucili mitragliatori Kalashnikov (serie AK) che permette di aumentare di circa 1,5 volte l'efficienza dell'impiego bellico dell'arma seguendo il criterio di «frequenza di colpire il bersaglio» a distanza di 300 metri in qualsiasi periodo diurno e notturno e in diverse condizioni climatiche. Lo si afferma in un comunicato ufficiale aziendale.

Per la prima volta una nuova modifica di Kalashnikov AK-74M è stata presentata la pubblico durante la Sfilata della Vittoria il 9 maggio scorso a Mosca.

New Day: Consorzio Kalashnikov sfida le sanzioni

Nuova modifica del fucile mitragliatore

«Un moderno complesso di tiro, equipaggiato con una nuova modifica rimodernata del Consorzio «Kalashnikov», potrà essere adattato per compiere qualsiasi missione tattica e permette di ampliare notevolmente le possibilità dell'impiego dell'arma, – ha fatto notare il vice-direttore e capocostruttore-progettista del Consorzio «Kalashnikov» Serghej Urzhumtsev. – Calcio rimodernato e la copertura del castello, un sofisticato copricannaa e ponticello dove si trovano slitte Picatinny integrate, ma anche una cintura del tipo nuovo, sbarretta-congegno di sicurezza e un'imbracciatura ergonomica per la gestione di tiro permettono di migliorare l'ergonomia dell'arma e la sua gestione nel raggiungimento degli obiettivi bellici in diverse condizioni atmosferiche e climatiche. Il rimodernamento dei fucili mitragliatori già fabbricati può essere effettuato sia nelle aziende industriali sia direttamente nell'esercito».

Un nuovo completo di rimodernamento di fucili mitragliatori Kalashnikov permette di istallare sull'arma equipaggiamento aggiuntivo. In particolare, si tratta d'istallazione di apparecchi di puntamento ottico-elettronici, visori di puntamento laser, fanali militari, apparecchi per il tiro silenzioso e di un estintore di fiamma efficiente. Inoltre è prevista l'istallazione di un lanciagranate da 40 mm che si monta sotto la canna del fucile mitragliatore e di una baionetta.

Attualmente il Consorzio «Kalashnikov» ha progettato tre tipi di completo equipaggiamento per rimodernamento dei fucili mitragliatori Kalashhikov calibro 5,45 mm e 7,62 mm per le unità d'esercito, reparti di ricognizione operativa, e anche per i reparti di operazioni speciali.

Mosca, Vsevolod Gnetii

© 2015, «New Day – Italia»

Tags

Rubriche

/ / / / / / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter