■■■

Politica

■■■■■■■■■

Pubblicazioni del 09/27/16 (Archivio)

Il leader di LDPR paragona Putin allo zar (FOTO, VIDEO) / Dopo aver recitato al Cremlino l'inno «Dio proteggi lo zar!”
Archivio

Il leader di LDPR paragona Putin allo zar (FOTO, VIDEO) Dopo aver recitato al Cremlino l'inno «Dio proteggi lo zar!”

Il leader del Partito liberal-democratico della Russia (LDPR) Vladimir Žirinovskij durante la cerimonia di decorazione al Cremlino ha recitato «Dio salvi lo zar!", l'inno nazionale dell'Impero russo dal 1833 al 1917.

Il politico è stato insignito dell'ordine «Per meriti alla Patria» di secondo grado. L'onorificenza è stata consegnata a Žirinovskij dal presidente della Russia Vladimir Putin. Nel suo discorso di ringraziamento, il leader del LDPR ha dichiarato: «Noi abbiamo avuto tre Patrie ‒ l'Impero russo, l'Unione Sovietica e l'odierna nuova Russia democratica. Noi a volte stiamo a discutere sulle ideologie, sulle connessioni... ma nel XIX secolo non c'erano queste riflessioni e l'Impero russo aveva il più bell'inno nazionale. Quattro righe, testualmente» ‒ ha detto il leader dei liberal-democratici, dopo di ché si è messo a declamare: «Dio, proteggi lo Zar! Forte e maestoso, Regna per la gloria, Per la nostra gloria! Regna sui nemici atterriti, O zar ortodosso. Dio, proteggi lo zar, Proteggi lo zar!».

Lintervento di &381;irinovskij durante la cerimonia di premiazione al Cremlino

Ricordiamo che il leader dei liberal-democratici russi in precedenza aveva più di una volta espresso l'idea di far rinascere questo inno, eseguendolo anche più volte alla televisione.

Linno «Dio proteggi lo zar!\ nellesecuzione del coro maschile dellIstituto «Valaam» di cultura canora

https://youtu.be/X0K-MI2PcJgSempre sullo stesso tema ricordiamo gli eventi dello scorso maggio durante la visita di Vladimir Putin al Monte Athos. Il presidente allora aveva partecipato a una breve funzione nella chiesa della Dormizione di Maria. Durante la funzione al capo dello stato era stato dato il posto d'onore, e questo fatto divenne all'istante oggetto di grandiose mistificazioni dei media, che misero in giro voci sul fatto che Putin si fosse seduto sul «trono degli imperatori bizantini», anzi non tanto che si fosse seduto (la maggior parte del tempo in realtà era stato in piedi), quanto che ci fosse «salito», «asceso», che fosse stato «intronizzato».

New Day: Il leader di LDPR paragona Putin allo zar (FOTO, VIDEO)

Effettivamente, come poi hanno precisato i giornalisti greci, si tratta di una panca episcopale chiamata del tutto convenzionalmente «trono», cioè di una poltrona monacale con la sedia ribaltabile sulla quale è comodo sia stare seduti che in piedi, appoggiandosi coi gomiti agli alti braccioli.

Nella chiesa russa ortodossa il «posto dello zar» è un fenomeno piuttosto diffuso, lo si può infatti vedere in molte cattedrali, tra cui nel Cremlino di Mosca e a San Pietroburgo. Il «posto dello zar» fin dai tempi antichi era uno dei simboli della fusione del potere secolare e del potere spirituale e del posto in questa fusione sia dei monarchi russi che dei capi ortodossi. Esso veniva utilizzato anche per la cerimonia dell'incoronazione.

Per questo non c'è da stupirsi, come hanno poi scritto gli esperti, che il presidente della Russia sia stato fatto sedere dai monaci del Monte Athos proprio nel più alto posto d'onore del tempio accessibile ai laici. Tenendo poi conto dell'antico legame tra il Monte Athos e Mosca, e dell'importanza della Russia in quanto più grande paese al mondo dove i cristiani ortodossi costituiscono la maggioranza dei cittadini, sarebbe stato al contrario sorprendente se questo posto non fosse stato proposto a Putin.

Mosca, Ekaterina Rudnik

© 2016, «New Day – Italia»

Tags

Rubriche

/ / / / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter