■■■

Politica

■■■■■■■■■

Pubblicazioni del 08/12/15 (Archivio)

Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha ricevuto il «marchio nero» dagli oligarchi ucraini / A Kiev si è tenuta una riunione segreta dei magnati
Archivio

Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha ricevuto il «marchio nero» dagli oligarchi ucraini A Kiev si è tenuta una riunione segreta dei magnati

É molto probabile che gli oligarchi ucraini stiano architettando una congiura contro il presidente del paese Petro Poroshenko. Ai primi di agosto a Kiev si è tenuta una «riunione informale degli ex oligarchi e quelli attuali, così come rappresentanti del grande business», che si sono presumibilmente consultati su come opporsi alle autorità. Lo ha annunciato il deputato del blocco di Poroshenko nella Verkhovna Rada Sergei Leshchenko, ex giornalista di punta, famoso per le sue clamorose indagini.

Il deputato ha citato le fonti attendibili, che conosce fin dai tempi del suo lavoro nei mass media. Secondo Leshchenko, alla riunione hanno partecipato Rinat Akhmetov, Serhiy Taruta, Vasily Khmelnytsky, Yuri Kosyuk e anche Viktor Pinchuk, il genero dell'ex presidente ucraino Leonid Kučma, quest'ultimo rappresentante plenipotenziario di Kiev a Minsk alle trattative per la risoluzione del conflitto militare nel Donbass. Alcuni membri dell'élite economico-finanziario-industriale dell'Ucraina hanno interrotto le loro vacanze per la riunione segreta, alcuni hanno partecipato in videoconferenza.

Secondo Leshchenko, i partecipanti hanno concordato che «nel paese qualcosa va storto», e hanno cercato di concordare un'azione concreta in risposta a ciò che sta accadendo. Gli oligarchi hanno proposto di costituire un nuovo partito per tutelare i loro interessi nel governo. Tuttavia, alcuni di loro non sono stati d'accordo su quali misure siano efficaci e hanno suggerito che per avere un impatto sul potere ci vorrebbe una spinta da parte della società civile.

In precedenza tentativi di influire sulla situazione nel paese hanno già intrapreso alcuni esponenti degli oligarchi ucraini, tra i quali l'uomo d'affari Igor Kolomoisky, i cui seguaci hanno costituito il partito politico «Ucrop». Tuttavia, nonostante le aspettative dei loro leader, l'organizzazione politica non gode di un grande sostegno e seguito tra la popolazione.

Un altro esempio di tale tentativo fallito di influire sul potere attuale potrebbe essere considerata la Federazione dei datori di lavoro di Ucraina (FRU), operante già da 13 anni. L'organizzazione è di nuovo in ripresa dopo la nomina del miliardario Dmitry Firtash alla carica di presidente della FRU. Recentemente la televisione ucraina è stata inondata dalla pubblicità sociale della FRU, costruita sulla base di una dura critica delle azioni del governo.

Tuttavia, né Kolomoisky né Firtash, più degli altri colpiti dopo il cambio del potere, non hanno preso parte alla riunione segreta, – riferiscono le fonti di Leshchenko. Coloro che erano presenti alla riunione, considerano il loro obiettivo la conservazione del capitale accumulato.

Gli esperti interpellati sul caso concordano che l'incontro, probabilmente, c'è stato. Perché ora nell'Ucraina sul sistema oligarchico incombe il pericolo mortale. Nelle condizioni delle riforme per l'integrazione europea il paese sta passando ad un sistema politico trasparente di libera concorrenza economica. Inoltre, se lo stile di governo di Poroshenko si trasformerà in un regime autoritario rigido, come a suo tempo si stava trasformando sotto il regime di governo del presidente Yanukovich, ciò significherebbe la fine del periodo oligarchico nell'Ucraina. Di conseguenza, proprio ora gli imprenditori devono far ripristinare la confusione totale, regno dei monopolisti, schemi di corruzione. In un altro modo non possono vivere ed esistere.

Gli analisti politici ritengono che gli oligarchi potrebbero fare un tentativo di provocare una sorta di un nuovo Maidan. Il fattore più importante per lo scoppio di una rivolta, oltre a una certa influenza sul governo, sono gli umori all'interno della società. I sondaggi dell'opinione pubblica registrano un calo dell'autorità del potere e un accrescimento del malcontento della situazione economica, ma gli ucraini fanno ancora sconto sulla guerra, temendo che le manifestazioni di protesta possano distruggere lo Stato.

Inoltre, i cittadini sono mal disposti verso gli oligarchi stessi e li considerano una delle cause dei problemi ucraini. Anche se molti di loro agivano a sostegno dell'integrazione europea e facevano tutti gli sforzi per assicurare l'Occidente che sono gli uomini d'affari civili, mecenati, persone di riguardo. Per questo motivo, come ritengono gli esperti, le autorità ucraine non devono dichiarare la guerra agli oligarchi, ciò che potrebbe indebolire ulteriormente lo stato, ma attraverso le riforme nel paese per creare le condizioni che consentano agli oligarchi di passare allo status di grandi uomini d'affari.

Fonte: «Nezavisimaya Gazeta»

Kiev, Ekaterina Rudnik

© 2015, «New Day – Italia»

Tags

/

Rubriche

/ / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2018. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2018. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter