Pubblicazioni del 06/06/16 (Archivio)

La Russia costruirà una centrale nucleare galleggiante / L'impianto sarà in grado di resistere ai terremoti e agli tsunami
Archivio

La Russia costruirà una centrale nucleare galleggiante L'impianto sarà in grado di resistere ai terremoti e agli tsunami

La prima centrale nucleare galleggiante al mondo, costruita a prova di tsunami e terremoti, sarà installata in Chukotka, regione nell'estremo Nord-est della Russia, e comincerà a produrre energia nel 2020.

La costruzione dell'infrastruttura portuale necessaria per l'attracco dell'impianto è cominciata alla fine del 2015. Secondo l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, attualmente la piattaforma con due reattori a bordo è sottoposta alle prove nel bacino galleggiante nel mare, che saranno completate entro la fine di quest'anno o nel 2017.

La chiatta su cui sono installati due reattori nucleari è lunga 144 metri e larga 30, con un pescaggio di 6 metri e un dislocamento di 21 mila tonnellate. Il personale vivrà sulla piattaforma con tutti i comfort di un hotel a 4 stelle, perché dovrà passare nelle cabine un anno intero.

New Day: La Russia costruir&224; una centrale nucleare galleggiante

Per quanto riguarda i reattori (KLT-40SK), ciascuno da 40 MW, saranno in grado di funzionare contemporaneamente e avranno la complessiva durata della riserva di combustibile nucleare per il funzionamento autonomo per tre anni. Si prevede che la vita utile residua della centrale nucleare sia di 40 anni.

Gli ambientalisti si oppongono alle centrali nucleari galleggianti, le considerano come «bombe ad orologeria», perché accumulano una grande quantità di uranio, così come un «regalo per i terroristi», obbligando la Marina Militare a garantirne la protezione, ciò che renderà il progetto estremamente costoso.

I progettisti russi, dal canto loro, assicurano che i reattori installati sulla piattaforma sono assolutamente sicuri, ciò è dimostrato dal loro funzionamento senza inceppamenti per molti anni a bordo di almeno tre rompighiacci atomici.

Nel caso di uno tsunami o un terremoto, la centrale verrà sollevata al di sopra del livello del mare. I blocchi del reattore sono compatti e autonomi, non sono come quelli che erano installati nella centrale nucleare di Chernobyl. Anche la ripetizione di uno scenario come Fukushima è da escludere.

Inoltre, anche un sequestro terroristico della centrale è impossibile, in quanto tutte le centrali nucleari moderne sono dotate delle misure di prevenzione e protezione d'emergenza per impedire l'accesso al combustibile radioattivo. Fino ad ora, non si era verificato alcun tentativo di minaccia di una centrale nucleare. Allo stesso tempo, la Chukotka, grazie alla sua lontananza, è un luogo piuttosto sicuro.

Vladivostok, Ekaterina Rudnik

© 2016, «New Day – Italia»

Tags

Rubriche

/ / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter