Pubblicazioni del 07/26/16 (Archivio)

Sui monti dell'Altaj scoperte 4 nuove specie di animali (VIDEO)
Archivio

Sui monti dell'Altaj scoperte 4 nuove specie di animali (VIDEO)

La Società geografica russa ha organizzato una spedizione nelle grotte dei monti dell'Altaj. Agli studiosi è riuscito non soltanto di aggiornare la carta della grotta di Këk-Taš, ma anche di scoprire quattro nuove specie di animali.

La spedizione, chiamata «Profondità dell'Altaj 2016», è partita circa un mese fa. Nella grotta sono scesi una sessantina di studiosi, anche se di regola le spedizioni speleologiche consistono di sette-dieci partecipanti.

Va però tenuto conto che il sistema delle grotte del Këk-Taš è il più profondo della Siberia, ed è questa l'unica grotta con una profondità maggiore di 300 metri in tutta l'Asia settentrionale. Le sue gallerie sotterranee sono talmente grandi che non sono ancora state esplorate del tutto.

I membri della spedizione speleologica questa volta hanno scoperto nella grotta di Këk-Taš come minimo quattro specie di animali in precedenza sconosciuti alla scienza. Si tratta dei cosiddetti troglobi, che nascono, vivono e muoiono all'interno delle grotte. Sono animali molto antichi, specie che possono avere milioni di anni. Tra i ricercatori della spedizione c'era anche Il'ja Turbanov, di fatto l'unico biospeleologo (studioso della vita nelle grotte) attualmente operante in Russia.

A parte questo, gli speleologi hanno apportato precisazioni alla mappa della grotta con l'aiuto di strumenti avanzati come computer e telemetri a laser. Dalle misurazioni è risultato che la profondità della grotta si è ridotta e sarebbe ‒ secondo i dati provvisori ‒ di 321 metri e non di 350 come si riteneva in precedenza. Inoltre gli speleologi hanno scoperto un nuovo sistema di passaggi che fa aumentare l'estensione totale delle gallerie finora note nella grotta a più di tre chilometri.

I membri della spedizione hanno anche esplorato, servendosi di quadricopter e motoparapendii, questa zona dell'Altaj, scoprendovi due grotte prima sconosciute. Una di esse gli speleologi l'hanno chiamata «Avrora», mentre l'altra non ha ancora un nome. Da quanto hanno raccontato i partecipanti alla spedizione, il sistema relittuale scoperto è costituito da alcune grotte e circa otto metri di gallerie, ed è di una bellezza rara non solo per la Siberia, ma per tutta la Russia. A causa della sua fragilità e del suo inestimabile valore scientifico però gli studiosi hanno preso la decisione di introdurre un regime limitato di visite e di sbarrarne l'ingresso.

Ricordiamo che la grossa del Këk-Taš è stata scoperta nel 1977 sulla riva sinistra del fiume Katun', nella Repubblica dell'Altaj, nella provincia di Gorno-Altajsk. La grotta è stata poco esplorata, le ultime spedizioni scientifiche risalgono agli anni Settanta.

Gorno-Altajsk, Ekaterina Rudnik

© 2016, «New Day – Italia»

Rubriche

/ / / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter