Pubblicazioni del 03/29/16 (Archivio)

Lettonia liberalizza il mercato interno del gas / Scaricando i costi sui contribuenti
Archivio

Lettonia liberalizza il mercato interno del gas Scaricando i costi sui contribuenti

Sejm (Parlamento) della Lettonia ha approvato la storica decisione sulla liberalizzazione e l'apertura del mercato interno del gas e sullo smembramento dell'operatore nazionale monopolista Latvijas Gāze. Il tal modo il governo lettone sta adempiendo gli obblighi nell'ambito del Terzo pacchetto energetico dell'Unione Europea, andando incontro alle richieste insistenti, avanzate già da qualche tempo da euro burocrati di Bruxelles. Intanto gli esperti sono certi che il Parlamento lettone si era reso benissimo conto di un'imminente crescita delle tariffe dopo la liberalizzazione del mercato interno del gas naturale.

Politici lituani già da qualche tempo fanno appelli alla Lettonia di aprire il mercato del gas naturale. Hanno i propri interessi economici: devono ammortizzare i costi del terminale GPL a Klaipėda. A distanza di un anno il Sejm della Lettonia ha deciso finalmente di dividere Latvijas Gāze (LG) in due parti, ciò che avverrà il 3 aprile del 2017. La presidente del Sejm Ināra Mūrniece ha dichiarato che la legge modificata «Sull'energia» creerebbe le condizioni favorevoli per l'accesso al mercato interno del gas di nuovi attori. «Il punto principale è la questione della sicurezza della Lettonia e di tutti i paesi baltici, riducendo la dipendenza dalla Russia», – ha aggiunto la Mūrniece.

Ciononostante non tutti condividono un'opinione così ottimista del governo lettone. L'ex premier e presidente del consiglio d'amministrazione di LG, Ajgars Kalvitis ha criticato aspramente la posizione del governo lettone. Secondo il suo parere, è una decisione puramente politica, priva di qualsiasi fondamento economico. In particolare, la divisione della società farà aumentare il costo del gas per i consumatori del 15%, ha posto l'accento Kalvitis.

Secondo alcuni esperti, l'ex premier ha ridotto gli indici del prospettato aumento poiché il 15% della crescita delle tariffe riguarda soltanto aspetti tecnici, ossia l'importazione del gas liquido dalla Lituania sulle navi e la sua successiva rigassificazione. Lettonia però, l'unico paese baltico che continuava a rimandare l'implementazione del Terzo pacchetto energetico dell'Unione Europea, in cambio otteneva dalla Russia un prezzo assai «amichevole» per il gas naturale russo: lo sconto applicato da Gazprom era di circa il 20%, ma ora bisognerà farsene a meno.

Nello stesso tempo i politici lettoni si rendono conto di un inevitabile aumento dei prezzi del gas per la popolazione, cercando in tutti i modi di contenere questa impennata delle tariffe. Recentemente il Sejm ha appoggiato il successivo sviluppo dell'iniziativa popolare sulla riduzione dell'IVA applicabile al gas naturale ed energia elettrica.

Nel frattempo Riga deve affrontare un altro problema – l'assenza di un meccanismo giuridico per l'applicazione della liberalizzazione. In sostanza, manca l'impianto legislativo per poter far funzionare il mercato libero e aperto e disciplinare i rapporti con i consumatori e fornitori. Inoltre è poco probabile che la frettolosità nell'apertura del mercato del gas possa di per sé favorire la dovuta e invocata competizione. Sarà il consumatore a dover pagare per le conseguenze di questo passo azzardato.

Riga, Zoja Oskolkova

© 2016, «New Day – Italia»

Tags

Rubriche

/ / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2020. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2020. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter