■■■

Unione Europea – UE

■■■■■■■■■

Pubblicazioni del 04/19/17 (Archivio)

La Russia perde posizioni negli scambi commerciali con l'UE
Foto: news.vse42.ru
Archivio

La Russia perde posizioni negli scambi commerciali con l'UE

La Russia nel 2016 ha perso il suo posto tra i tre maggiori partner commerciali dell'Unione europea che deteneva da più di 10 anni. Dai dati della Commissione europea e di Eurostat risulta che le esportazioni russe nei paesi europei sono diminuite del 12,9% e abbiano toccato il livello minimo dell'ultimo decennio: 119 miliardi di euro.

La quota della Russia nelle importazioni complessive dell'UE è scesa al 7%, quando solamente cinque anni fa era dell'11,5%. Due terzi delle forniture hanno riguardato petrolio, gas, derivati del petrolio e altri prodotti della categoria «combustibili minerali», per un totale di 78 miliardi di euro, con una perdita del 15,4% in un anno, nonostante che a livello di output fisico l'export di gas abbia fatto registrare un balzo del 17% e quello del petrolio del 6%.

Un ruolo chiave nella caduta della quota complessiva della Russia l'hanno giocato i prezzi bassi delle principali voci d'esportazione russe, vale a dire i combustibili. Lo sottolineano gli esperti dell'Accademia russa dell'economia nazionale e del pubblico servizio presso il Presidente della Federazione russa.

Le forniture di articoli ad alta tecnologia dalla Russia all'UE hanno continuato a diminuire a ritmi sostenuti sullo sfondo della bassa concorrenzialità della produzione russa. Ad esempio, le importazioni nell'Unione europea dalla Russia di macchine e di attrezzature di trasporto sono scese da 2,36 a 2,3 miliardi di euro, mentre la quota della Russia sul mercato europeo si è ridotta allo 0,4%. Le forniture di prodotti chimici sono crollate del 19%, da 5,44 a 4,44 miliardi di euro, toccando i valori minimi (2,4%) degli ultimi 10 anni.

In generale, secondo i dati della Banca centrale della Federazione russa, l'export di gas e petrolio dalla Russia l'anno scorso è sceso del 10% e il suo volume complessivo – 128,4 miliardi di dollari – è il minimo fatto registrare dal 2009.

Secondo le previsioni degli economisti, nel 2017 i volumi di produzione in Russia continueranno a cadere. Bisognerà inoltre aspettarsi un rapido calo della qualità della produzione su una vasta gamma di prodotti industriali e la crescita della percentuale di prodotti alterati e contraffatti, sia per quanto riguarda gli ingredienti che il prodotto finito.

Mosca, Zoja Oskolkova

© 2017, «New Day – Italia»

Rubriche

/ / / / Ultim'ora

© «Agenzia giornalistica russa «New Day»». Versione 5.0, agosto 2004-2018. Informazioni
Agenzia giornalistica russa «New Day» registrata dal Servizio federale di telecomunicazioni, tecnologie informatiche e mass media della Federazione Russa. Certificato di registrazione dei mass media: EL № FS 77 - 61044 del 5 marzo 2015.
Fondatore: «New Day» S.r.l., indirizzo di redazione: 620014, città di Ekaterinburgo, via Radišev, pal.6, scala «А», uff. 906.
La redazione dell'«Agenzia giornalistica russa «New Day»» declina ogni responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicitari. La redazione non fornisce informazioni.

Telefono: +7 (499) 136-80-96. E-mail: urfoorg (chiocciola) gmail.com
La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione di tutto il materiale contenuto in questo sito richiedono obbligatoriamente il riferimento all'«Agenzia giornalistica russa «New Day»».
Il prodotto informativo è destinato alle persone di età +18 anni
© 2004-2018. Concetto, disegno, HTML, CSS, Scripts

Рейтинг@Mail.ru Яндекс.Метрика Flag Counter
© New Day
Loading...
Flag Counter